Autunno e capelli: lascia che siano solo le foglie a cadere

Autunno e capelli: lascia che siano solo le foglie a cadere


  • 9 Ottobre

I capelli seguono il ritmo delle stagioni e, quando se ne va l’estate, il morale scende e i capelli cadono più facilmente. È comunque possibile prevenire la caduta dei capelli in autunno, vediamo come.

Innanzitutto, non bisogna farsi prendere dal panico, la caduta dei capelli in questo periodo è molto comune ed è, in genere, parte di un rinnovamento delle nostre chiome, e lo stress non fa altro che accentuarne la caduta. Se il parere di un medico, e le sue rassicurazioni, possono farvi stare meglio, recatevi da un dermatologo per accertarvi dello stato di salute dei vostri capelli.

Oltre allo stress, gli fattori responsabili della caduta dei capelli sono:

  • predisposizione genetica;
  • la risposta dell’organismo alle variazioni ormonali;
  • l’apporto di sostanze nutritive del sangue ai capelli;
  • diete drastiche e cattiva alimentazione in generale;

Cosa fare

I prodotti come shampoo medicati, le lozioni o gli integratori possono essere utilizzati sia quando la perdita dei capelli è stagionale, sia quando è è provocata da stress, stanchezza e scompensi ormonali, che indicano un indebolimento dell’organismo.

Assumere integratori alimentari a base di vitamine dei gruppo B ed E, e sali minerali, in modo da corroborare la fase di ricrescita successiva alla caduta. Per quel che riguarda l’alimentazione, durante il periodo della caduta, bisognerebbe mangiare frutta e verdura di stagione, tutti i pesci ricchi di Omega3, come il salmone, latticini, uova e legumi.

Non lavare troppo spesso i capelli, due volte a settimana è più che sufficiente, con prodotti non aggressivi oppure uno shampoo anti-caduta. È bene massaggiare il cuoio capelluto durante il lavaggio, in modo tale da stimolare la circolazione sanguigna nell’area e favorire la ricrescita.

Se si perdono capelli anche in tempi normali, è consigliabile un trattamento anti-caduta, magari dopo un consulto in un centro tricologico.

Se hai dubbi oppure vuoi approfondire l’argomento, contattaci. Il team di PharmaLeader è sempre pronto a rispondere alle tue domande.

Lascia un commento